2
I cambiamenti che si verificano man mano che si diventa anziani possono renderci più a rischio di depressione. A differenza di quanto si pensi, però, la depressione non è un aspetto naturale dell’invecchiamento e pertanto può essere curata.

La depressione, infatti, è una malattia a tutti gli effetti proprio come l’artrite o il diabete; di conseguenza non è qualcosa che le persone possono ignorare. Gli anziani che soffrono a lungo di malinconia e tristezza, pertanto, devono chiedere aiuto il prima possibile in modo da poter riprendere a condurre una vita felice.

Sfortunatamente ciò che comunemente accade è l’opposto: gli anziani negano i sentimenti di tristezza e non li ricollegano alla depressione; quando se ne rendono contro non vogliono gravare sulle loro famiglie o considerano questa malattia come un segno di debolezza. Tutte queste resistenze possono rendere davvero difficile aiutare una persona anziana che ne soffre.

Se si teme che una persona cara avanti con gli anni possa soffrire di depressione la prima cosa da fare è parlarne con il proprio medico. L’ideale è sottoporre l’anziano a un check up completo volto anche a valutare i medicinali che assume. Queste informazioni, infatti, possono aiutare il medico a capire quelle che potrebbero essere le cause della malattia stessa e determinare il tipo di specialista da contattare.

Ma nella vita di tutti i giorni, come si può aiutare una persona anziana depressa a sentirsi meglio?

Passo 1 – Impara a non ignorarne i sintomi, anche quelli più piccoli

Non tutti gli anziani amano essere sinceri su ciò che sentono o provano e pertanto potrebbero tendere a nascondere sentimenti di tristezza e malinconia. Chi si occupa della loro assistenza deve imparare a riconoscere i sintomi più sottili che questa malattia può avere: agitazione, irritazione, difficoltà a rimanere seduti e calmi a lungo. Bisogna fare attenzione anche a ciò che l’anziano dice soprattutto se lamenta di sentirsi giù di morale o se dice di sentirsi poco amato o poco considerato dalle persone.

Aiuta la persona anziana ad aprirsi

Chiedi alla persona anziana di parlare di ciò che sente e tieni conto dei suoi sentimenti. Offrigli supporto e aiuto. Cerca anche di capire quale tipo di trattamento potrebbe aiutarla a farla stare meglio.

Sii paziente e comprensivo

Torna sull’argomento di tanto in tanto e cerca di superare gradualmente le sue resistenze. Spingere l’anziano a prendere una decisione in tempi rapidi potrebbe essere controproducente e produrre l’effetto contrario: aumentare le sue resistenze.

Sii flessibile e aperto a soluzioni alternative

Non tutte le persone accettano di aprirsi con un professionista in questi casi. Non è rato che i più religiosi tendano a rivolgersi al parroco di fiducia. Se tuttavia la depressione persiste dopo diverse settimane di approcci alternativi allora l’intervento di un professionista è la strada migliore da seguire.
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.