3
Portogallo arrembante, Ungheria in contropiede. Il copione è scritto e gli attori in campo lo interpretano a memoria. I lusitani tengono palla e tirano ogni volta che ne hanno occasione, ma la porta non la beccano mai. Ai magiari, invece, basta un tiro per andare in vantaggio. Ci pensa Gera sugli sviluppi di un calcio d'angolo a trovare un sinistro spettacolare dal limite che attraversa una selva di gambe e s'infila all'angolino. I portoghesi accusano il colpo, vanno in difficoltà, ma pareggiano grazie a un lampo dei suoi due più grandi talenti: Ronaldo trova il corridoio giusto per Nani che infila Kiraly. All'intervallo è 1 a 1.

Pronti via e nella ripresa sono subito fuochi d'artificio. L'Ungheria ripassa in vantaggio con una punizione di Dzsudzsák deviata dalla barriera lusitana e dopo tre minuti Ronaldo pareggia i conti con uno splendido colpo di tacco. E' solo il preludio, i due capitani non si fermano qui. Prima il magiaro con un sinistro dal limite che trova un'altra deviazione, poi ancora CR7 con uno stacco imperioso su cross del neoentrato Quaresma. Finisce 3 a 3, passano entrambe. E, dopo lo spettacolo che hanno ci hanno regalato, possiamo dire con merito.

Ungheria (4-2-3-1): Kiraly; Lang, Juhasz, Guzmics, Korhut; Pintér, Gera (46' Bese); Dzsudzsak, Elek, Lovrencsics (83' Stieber); Szalai (71' Németh). All.: Storck.
Portogallo (4-4-2): Rui Patricio; Vieirinha, Pepe, Ricardo Carvalho, Eliseu; William Carvalho, Joao Moutinho (46' Sanches), André Gomes (61' Quaresma), Joao Mario; Nani (81'Danilo), Ronaldo. All.: Santos.
Marcatori: Gera 19', Nani 42', Dzsudzsák 47', Ronaldo 50', Dzsudzsák 55', Ronaldo 62'

Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.