2
Durante la partecipazione alla raccolta firme de “Il Riformista”, Gianni Lettieri ha spiegato le motivazioni del suo appoggio al referendum sulla giustizia.

Gianni Lettieri: referendum sulla giustizia, perché una riforma è necessaria

Prosegue la campagna referendaria sulla giustizia promossa dal Partito Radicale e dalla Lega. Uno degli ultimi appuntamenti si è svolto a Napoli, nei pressi di piazza Giovanni Porzio, dove il quotidiano “Il Riformista” ha organizzato una settimana di raccolta firme a sostegno del referendum “Giustizia Giusta”. Tra i firmatari anche Gianni Lettieri , Presidente di Atitech, società leader nella manutenzione degli aeromobili. L’imprenditore napoletano si è detto fermamente convinto della necessità di una riforma della giustizia: “Sarebbe un tassello importante nel percorso di modernizzazione del Paese, se si pensa che molti imprenditori stranieri hanno paura di investire in Italia anche per la pesante ingerenza di alcuni magistrati”. Insostenibile il sentimento negativo sempre più diffuso nei confronti del sistema giudiziario, alimentato dai numerosi scandali che hanno colpito la magistratura negli ultimi anni: “Un’eventuale riforma – ha commentato Gianni Lettieri – andrebbe nell’interesse di tantissimi bravi magistrati che svolgono il loro dovere con responsabilità e diligenza, e che purtroppo devono scontare anche i disastri di quei pochi colleghi che lavorano in senso opposto”.

Gianni Lettieri (Atitech): “Il nostro è un Paese dove chiunque risponde delle proprie azioni”

Nello specifico, sono sei i quesiti contenuti nel referendum. Centrale il secondo, dedicato alla responsabilità diretta dei giudici: “Il nostro è un Paese dove chiunque risponde delle proprie azioni – ha dichiarato Gianni Lettieri – e, di conseguenza, non è concepibile che una parte della popolazione venga esclusa”. L’obiettivo del quesito è, infatti, quello di equiparare i giudici a tutti gli altri funzionari e dipendenti di Stato ed Enti pubblici. Completano il referendum la richiesta di modificare il sistema di candidature del CSM, troppo incentrato sulle correnti interne, la prevenzione degli abusi in merito alle misure cautelari e infine la possibilità di presenza e di voto nei consigli giudiziari estesa ad avvocati o esperti di diritto. Oltre a Gianni Lettieri, tra i partecipanti delle giornate promosse da “Il Riformista” anche altre personalità di spicco come Giuseppe De Angelis, Presidente del Consiglio di disciplina del distretto della Corte di appello di Napoli, e Luigi Bobbio, ex pm anticamorra, senatore e oggi giudice presso il Tribunale di Nocera Inferiore.
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.