Grillo non sa a quale Matteo votarsi | Blogaccio | FeedBurner IT 2.0
2
Pro o contro l’immigrazione? Pro o contro le tasse? Pro o contro un accordo per il Quirinale? E’ arrivato Salvini con idee chiare e sta fregando i voti al M5S in piena crisi d’identità. A riflettere su questi due anni trascorsi in Parlamento senza concludere niente di veramente rivoluzionario ci pensa Rizzetto, vicepresidente della Commissione lavoro pronto sull’uscio della porta ad essere espulso: è‘ bravo Salvini, è proprio bravo ripete. Parla alle persone ed arriva al cuore dei problemi. In pochi mesi ha raggiunto il 10% nei sondaggi. Quasi a cogliere implicitamente le contraddizioni di un movimento che è rimasto paralizzato dalla dialettica interna. Grillo non sa a quale Matteo votarsi, infatti non si vede più nelle piazze. L’aspirazione del movimento ad accogliere destra e sinistra, comincia a mostrare tutti i suoi limiti. La gente stretta tra mondialismo e stop immigrazione tra istanze sociali e teoria del debito di Casaleggio, confusa registra l’inconcludenza e comincia a far ritorno alle basi di partenza degli schieramenti dai quali proveniva prima di votare M5S. Se non si apre un ragionamento politico dopo le regionali il peggio potrebbe arrivare alle prossime politiche. Segnali di insofferenza arrivano anche dalle punte di diamanti del movimento,  Di Battista quello stesso che voleva dialogare col califfo si dice stanco di “queste merde” e desideroso di cambiare lavoro per andare ad intervistare  i tagliagole possiamo solo pensare: “io non ce la faccio più a restare, non mi ricandido. Vado tra la gente a fare il reporter”. Siamo contenti per lui, il primo grillino che ha capito che cosa vorrà fare da grande. Un passo importante nella vita di un uomo, un esempio  per tutti gli altri che ancora si dimenano dilaniati da una adolescenza difficile: risolvere i problemi o continuare a denunciarli..?

Commenti

Chi ha votato questa news

Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.