2
Al termine della loro attività, appena entrano in pensione, i cani militari utilizzati per "scovare" gli esplosivi, secondo un resoconto di Angelo Tofalo in commissione Difesa della Camera, potranno rimanere con il proprio conduttore, come scelta prioritaria.
I cani, fondamentali nell'attività militare di recupero esplosivi, sia nel nostro paese che all'estero, terminano il loro servizio quando, soprattutto con l'età, cessano di essere all'altezza delle performance richieste dalle attività consuete, pertanto vengono riformati con una delibera e ne viene approvata la cessione.
Secondo il decreto legislativo 173, i militari che sono stati conduttori del cani fino a quel momento, possono avere in custodia l'animale a titolo gratuito per il resto della sua esistenza, avvalendosi anche di indennità valide per il servizio veterinario.
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.