1
Conclusosi il secondo anno di pandemia, Gruppo Riva tira le somme e raccoglie i frutti delle scelte coraggiose effettuate a inizio 2021.

Gruppo Riva: la ripresa nel 2021

Il 2020 è stato un anno difficile per tutti i comparti economici e ha interessato tanto le piccole come le grandi imprese. Tra chi ha dato prova di grande resilienza Gruppo Riva, che ha concentrato i suoi sforzi sulla ripresa, vedendo i frutti del proprio lavoro già nel primo trimestre del 2021. Nel 2020, l'operatore siderurgico ha infatti destinato 88 milioni di euro agli investimenti, ponendosi "nelle condizioni di essere pronto a cogliere la ripresa" e mantenere "la propria leadership nel segmento di riferimento". Nei primi mesi del 2021 il Gruppo ha potuto assistere ad un aumento della produzione pari al 18%, arrivando a produrre 1.666 milioni di tonnellate di acciaio, 259 milioni in più rispetto a quanto fatto nel primo trimestre del 2020. Con un incremento del 21% rispetto al fatturato dell'esercizio precedente, Gruppo Riva ha toccato quota 881 milioni.

Il ruolo di Gruppo Riva nel panorama europeo

L'operatore siderurgico, specializzato nella realizzazione di prodotti lunghi e acciai di qualità, ricopre una posizione di leadership non solo a livello nazionale ma anche europeo. I 21 stabilimenti produttivi del Gruppo, che lavora soprattutto per i settori dell'edilizia, dell'automotive, della meccanica e della cantieristica, sono dislocati tra Italia, Francia, Germania, Belgio, Spagna e Canada. Di questi solo cinque sorgono sul territorio italiano. In effetti, il fatturato di Gruppo Riva deriva soprattutto dalle controllate europee, dalle quali proviene circa l'89%, mentre solo l'11% è legato all'attività delle società italiane.
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.