2
La qualità del sonno e il suo giusto numero di ore sono fondamentali per mantenere corpo e mente in salute. E i due strumenti principali in grado di coniugare e garantire tali aspetti della nostra vita sono rete e materasso, il cui abbinamento è molto importante per assicurare una postura corretta e un riposo ottimale. Ci aiuta a capire come abbinare i vari elementi del sistema letto Mondoflex, azienda leader nella produzione e vendita di reti e materassi di diverse tipologie e caratterizzati da tecnologie all’avanguardia.

Milano, gennaio 2022. Una tendenza molto diffusa quando si cambia materasso è quella di non prestare sufficiente attenzione alla tipologia di rete su cui si andrà ad appoggiare il nuovo modello, col risultato che i benefici che si dovrebbero trarre da esso vengono del tutto vanificati.

La prima cosa da fare prima di cambiare il proprio materasso è perciò verificare la natura della propria rete, valutando aspetti quali:

- il materiale di cui è composta;
- la larghezza, la flessibilità e la distanza che c’è tra le doghe;
- l’altezza da terra;
- la disponibilità di cursori per variare la rigidità delle doghe;
- la presenza di meccanismi (elettrici o manuali) per il sollevamento di testa e piedi.

Una volta fatto ciò, bisogna capire se il nuovo modello di materasso è compatibile o meno con la rete che si ha a disposizione. La discriminante in questo caso è il materiale con cui è stato realizzato il materasso, che può essere:

- molle metalliche insacchettate;
- schiuma;
- lattice;
- memory foam.

Ad esempio, le reti con movimenti elettrici o manuali non sono indicate per i materassi a molle insacchettate, dato che questi non sono in grado di seguirne il movimento, mentre sono l’ideale per essere abbinate con quelli in memory foam, schiumati o in lattice, in quanto decisamente più elastici.

Le reti a doghe ravvicinate, invece, sono l’ideale per i materassi a molle insacchettate, proprio perché garantiscono una solida base d’appoggio per le molle, conferendo la giusta rigidità alla colonna vertebrale.

Le reti fisse possono essere una buona base d’appoggio anche per i materassi ortopedici a molle.

Le reti multilistello (caratterizzate da piccole doghe unite in supporti multipli) sono perfette per i materassi in lattice naturale, così da garantire non solo un buon livello di elasticità, ma anche un ottimo grado di traspirazione. Questa tipologia di rete piuttosto flessibile è indicata anche per i materassi schiumati o in memory foam che si adattano maggiormente alla forma del corpo di chi li utilizza.

È chiaro che le variabili in gioco nell’accoppiamento rete-materasso sono molteplici; per questo conviene sempre affidarsi ad esperti del settore come i professionisti di Mondoflex, che sono a disposizione di tutti coloro che vogliono migliorare la qualità del proprio sonno per svegliarsi ogni giorno in salute e pieni di energia.
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.