2
E' quanto dichiarato dal giornalista presidente dell'Italia dei Diritti ad Anzio, dal palco della kermesse "Storie di donne 2016", auspicando nuove misure di prevenzione a integrazione della normativa in vigenza


Roma - Ideata lo scorso anno dall'estrosa e indefessa organizzatrice Lisa Bernardini, si è svolta nei giorni scorsi la seconda edizione di "Storie di donne", la prestigiosa kermesse dedicata all'universo femminile e volta alla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, facendo registrare nuovamente uno straordinario successo. La manifestazione ha aperto i battenti presso l'hotel Villa Eur a Roma e ha visto la sua serata conclusiva presso il ristorante "Boccuccia" di Anzio. L'edizione 2016 è stata caratterizzata da sensibili miglioramenti apportati alla macchina organizzativa e da una corroborazione dell'offerta culturale e valoriale, proiettata verso quegli standard di perfezione, che rappresentano la peculiarità dominante negli eventi targati Bernardini.
Anche la scelta degli ospiti è stata sottoposta a un'accurata selezione in senso qualitativo. Tra questi particolarmente significativo è stato il ritorno del noto giornalista Antonello De Pierro, direttore di Italymedia.it e presidente dell'Italia dei Diritti, particolarmente attivo, con il movimento che presiede, nella lotta contro la violenza sulle donne, argomento che più volte ha affrontato negli indimenticabili dieci anni trascorsi alla direzione di Radio Roma, durante i quali si è ritagliato di diritto la fama di voce storica della prima emittente radiofonica capitolina e terza in Italia, che aprì la strada negli anni '70 alla rivoluzionaria conquista dell'etere da parte degli apparati privati di trasmissione. Combattere lo stalking e il femminicidio con la prevenzione prima ancora che con la repressione del reato consumato. E' questa la linea che De Pierro sostiene da sempre e che è la vera novità politica nel campo dell'elaborazione produttiva di norme in materia.
"La produzione di norme — ha affermato dal palco dell'incontro di chiusura ad Anzio — atte a contrastare la violenza di genere ha conosciuto negli ultimi anni un'evoluzione certamente proficua, ma non basta. Sull'impulso dovuto in particolare allo sviluppo del dibattito mediatico e alla risposta indignata della pubblica opinione, che ha fatto maturare nel legislatore la consapevolezza di dover intervenire con determinazione sul fenomeno dilagante, il diritto positivo si è arricchito di una codificazione importante individuata nell'art. 612 bis del codice penale. E' indubbiamente un grande passo avanti nel contrasto all'espansione fenomenica che promana quotidianamente dalle cronache giudiziarie, ma spesso è insufficiente a evitare i tragici epiloghi che vengono sottoposti alle nostre corde emozionali e generano spesso un senso di impotenza. Questo perché innanzitutto manca una matura percezione da parte di tante donne dell'imminente pericolo a cui sono esposte, e per insuffici
Cos'e' FeedBurner IT?

FeedBurner IT e' un selezionatore ed aggregatore web di news IT e Web 2.0.